MICROIMMUNOTERAPIA

La Microimmunoterapia (MIT) è un metodo diagnostico e terapeutico volto a regolare la funzione del sistema immunitario sia in patologie acute (ad es. infezioni virali) sia in patologie cronico-degenerative (ad es. m.autoimmuni, cancro) che in questi quadri clinici presenta sempre uno stato di alterata funzione (stato di immuno-disregolazione).

Attualmente la MIT è diffusa in diversi paesi europei (Belgio, Francia, Spagna, Germania, Austria, Svizzera e Italia) e conta più di 3000 medici che l’utilizzano nella pratica medica quotidiana.

Il razionale della Microimmunoterapia fonda le sue radici sulle più aggiornate conoscenze dell’immunologia molecolare e della virologia molecolare e clinica.

Su base diagnostica si avvale di alcuni specifici esami laboratoristici (il laboratorio di analisi è un importante e fondamentale alleato nella pratica medica della MIT), quali lo studio delle sottopopolazioni linfocitarie (vengono esaminati ben 19 elementi linfocitari compresi i loro rapporti, con una rappresentazione grafica in istogrammi che ne facilita la lettura a tutti i medici di medicina generale nella pratica quotidiana);dosaggio di titoli anticorpali IgG (le immunoglobuline di memoria) dei principali herpes-virus (citomegalovirus, epstein-barr virus, herpes labiale, genitale, virus varicella/zoster) e alcuni indici infiammatori (ferritina, proteina C reattiva ultrasensibile, profilo proteico).

Sul piano terapeutico si propone come terapia di supporto sia in ambito di medicina generale che nelle differenti branche specialistiche, non rappresentando, dunque, una terapia alternativa bensì un aiuto al sistema immunitario spesso deficitario in molte patologie, siano esse acute o croniche.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.